Cosa ci sarà a OOF 2019

immagine Cosa ci sarà a OOF 2019
Cosa ci sarà a OOF 2019
5 Dicembre 2018

Tema portante della ottava edizione: Nostra Signora Pubblicità. Il grande dibattito si concentrerà tutto su una questione essenziale: come sia possibile, oggi, comunicare e promuovere una materia prima nobile e preziosa come l’olio extra vergine di oliva andando oltre i consueti messaggi, sviluppando nuove idee, nuove formulazioni, nuove narrazioni, includendo, in questo percorso esplorativo anche gli altri condimenti, oltre all’olio da olive.

L’olio immaginario e l’olio immaginato: un po’ alimento, un po’ condimento; un po’ functional food, un po’ piacere sensoriale. Una materia prima che unisce e non divide, che amalgama, veicola sapori e conferisce profumi piacevoli alle pietanze.

Interverranno diversi rappresentanti del mondo pubblicitario, trattando i temi più vari, per concentrarsi ora sul marketing sensoriale, basato sui principi del neuro marketing fino a considerare le sperimentazioni del marketing olfattivo, per giungere infine ad affrontare la cyber propaganda nell’era dei social, senza trascurare, anche in una visione retrospettiva, i rapporti tra letteratura, arte, pubblicità e marketing.

 

ALTRI TEMI

Etichette imperfette. Troppe restrizioni per il settore olio da olive. Le etichette presenti su una bottiglia d’olio non sempre consentono di poter esprimere tutto il valore degli oli da olive. Un eccesso di legislazione imbriglia un prodotto che ha invece molto da raccontare. Sono allo studio alcune soluzioni per contrastare questo fenomeno, che rende gli oli da olive meno competitivi sul mercato.

L’economia circolare nel comparto olivicolo e oleario. Un modello basato sul riutilizzo e sul valore delle risorse non adeguatamente utilizzate: foglie d’olivo, acque di vegetazione, sansa, oli esausti.

 

Indagine sui consumi di olio extra vergine di oliva presso le famiglie milanesi. Misurare la vera esperienza di consumo dell’olio extra vergine di oliva, è l’iniziativa di Olio Officina in collaborazione con la società di ricerca Amagi-ForSurvey e in collaborazione con Chemiservice.

L’obiettivo di questa ricerca è di documentare le opinioni, gli usi, le abitudini e il gradimento delle varie marche di extra vergini.

 

Il packaging e il visual design applicati agli oli da olive. Nel corso della premiazione della sesta edizione del Premio Le Forme dell’Olio, si alterneranno sul palco designer, architetti e creativi.

 

L’olio sostenibile. Negli ultimi anni si sono affacciate sul mercato le prime produzioni di olio extra vergine di oliva dichiarato sostenibile. Quanto è efficace e quanto è necessaria una certificazione di sostenibilità che attesti il costante rispetto dei parametri di tipo ambientale e sociale ma anche economico e nutrizionale lungo tutta la filiera produttiva.

 

La conservazione degli oli spina nel fianco della Gdo. Gli oli da olive sono materia prima delicata e fragile, uno studio presenta tutte le possibili soluzioni per non mettere a rischio la qualità originaria

 

Il panel test, tra la valutazione sensoriale degli oli da olive da parte di un gruppo panel e i possibili percorsi evolutivi che garantiscano certezza di risultato. Fuor da ogni polemica e contrapposizione, si prenderanno in esame tutte le possibili soluzioni ad oggi praticabili.

 

La costruzione del prezzo. È possibile individuare il prezzo giusto di un olio extra vergine di oliva?Esiste davvero un prezzo minimo oltre il quale non è pensabile parlare di olio genuino? Molto spesso i consumatori, ma anche alcuni operatori professionali, non comprendono che le olivicolture sono tante e diversificate, con diversi parametri e svariati costi di produzione. Una utile guida per comprendere le dinamiche di un settore ancora poco conosciuto ed esplorato nella sua complessità.

 

Chi ha paura dell’olivicoltura moderna ad alta densità?Perché in Italia accanto alle forme tradizionali di allevamento ci si ostina – anche là dove sul piano orografico è possibile – a non impiantare oliveti ad alta o altissima densità? Perché la frutticoltura e la viticoltura possono abbracciare tutte le novità tecnologiche e l’olivicoltura deve rimanere ancorata a concezioni passatiste?

 

Olio Officina Sociale. Il mondo dell’olio e la disabilità, in collaborazione con la cooperativa sociale Bandiera Lilla di Savona e Anna Gioria del Corriere della Sera.

 

Olio Officina Sociale. Presentazione del progetto Olio Responsabile, a cura di TerraSud e Olio Responsabile, rivolto a soggetti con disabilità visiva.

 

L’olio nelle scuole alberghiere.La valorizzazione dell’olio extra vergine di oliva quale ingrediente primario e centrale a tavola e in cucina. Una competizione per giovani talenti, con due sezioni: ricette tradizionali rivisitate e ricette creative. Una iniziativa dell’azienda Santagata 1907, in collaborazione con l’Istituto alberghiero Nino Bergese di Genova e l’Istituto alberghiero Bonaldo Stringher di Udine.

Saggi Assaggi. Incontri di degustazioni guidate. Sedici sessioni di assaggio di oli in purezza e due sessioni di assaggio di olio in abbinamento al cibo. Due sessioni di assaggio di olive da tavola a cura di Roberto De Andreis. Sessioni di assaggio dedicate agli oli Dop Riviera Ligure e Dop Garda, nonché agli oli della Basilicata. Altre sessioni di assaggio dedicate

 

Focus Olio su pesce, a cura della Regione Basilicata, con la presentazione dello speciale dedicato agli abbinamenti olio/pesce.

 

Focus Olio su pizza, a cura dell’Associazione pizzaioli Apes.

 

 

INOLTRE

 

Consegna dei Premi Olio Officina Cultura dell’Olio assegnato alle personalità del nostro tempo che si sono distinte su fronte dell’olivo e dell’olio.

 

Due annulli filatelici di Olio Officina in collaborazione con Poste Italiane: venerdì 1 e sabato 2 febbraio 2019, nel chiostro di Palazzo delle Stelline, dalle ore 11.00 alle ore 17.00, è possibile fruire degli annulli filatelici ideati da Olio Officina Festival 2019 e dedicati il primo alla cattedra ambulante di olivicoltura a al volume pubblicato nel Settecento Memoria sui saggi diversi di olio, di Giovanni Presta. Nei sessanta giorni successivi alla manifestazione gli annulli saranno depositati presso lo sportello filatelico dell’ufficio postale di Milano, Palazzo della Regione, per soddisfare le richieste dei collezionisti. Trascorso tale periodo, i piastrini filatelici saranno depositati presso il Museo della Comunicazione a Roma.

 

Presentazione di vari libri, tra i quali: L’albero di olivodi Aldous Huxley, per le edizioni Henry Beyle, alla presenza del fotografo Ferdinando Scianna, di Giuseppe Barbera e Stefano Salis; La storia dell’olio di oliva attraverso le latte del Museo Guatelli;L’assaggio delle olive da tavola, di Roberto De Andreis; e molti altri.

 

Il caffè letterario. All’interno della Sala Bramante, in collaborazione con la rivista FuoriAsse, è possibile incontrare e sentire scrittori e artisti, intenti ad affrontare i temi inerenti l’olio e il cibo. Inoltre, sarà predisposto un momento speciale dedicato all’olio a fumetti, a cura della Scuola internazionale di fumetto Comics.

 

Olio Officina Art. Nei chiostri di Palazzo delle Stelline vi saranno diverse mostre, a cura del movimento Arte da Mangiare, dell’Accademia di Comunicazione di Milano e con la presenza di lavori realizzati appositamente sul tema della pubblicità dai licei artistici di Vercelli e Cesano Maderno. Ci sarà inoltre un omaggio inedito a Leonardo da Vinci all’insegna dell’olivo e dell’olio.

 

INFINE

L’intero Palazzo delle Stelline di Milano – il chiostro e tutte le sale, da giovedì 31 gennaio a sabato 2 febbraio 2019 – diventerà un edificio “oliocentrico”, ospitando mostre d’arte e spettacoli, performance artistiche, una libreria e un caffè letterario, oltre alle sale di assaggio dedicate (per degustazioni guidate di oli, olive e finger food), nonché conferenze, talk show e seminari di approfondimento.

Alcune sale sono destinate a un pubblico professionale, altre sale a un pubblico amatoriale, appassionato del buon cibo e che vuole confrontarsi con le produzioni olearie italiane e del resto del mondo. Sono infine previsti due annulli filatelici di Poste Italiane, riservati ai collezionisti, nonché uno spazio di approfondimento incentrato sul packaging e il visual design, oltre a molte altre sorprese, come è ormai tradizione del festival, stimolare nuove visioni e stupire, partendo da una materia prima qual è l’olio extra vergine di oliva, fino a ieri ignorata e utilizzata solo per abitudine, ma non ancora del tutto compresa e apprezzata.

OLIO OFFICINA FESTIVAL 2019

Nostra Signora Pubblicità

Palazzo delle Stelline, corso Magenta 61, Milano

OTTAVA EDIZIONE
Milano, 31 GENNAIO – 2 FEBBRAIO 2019
CONDIMENTI PER IL PALATO & LA MENTE
Ideazione e direzione Luigi Caricato