L’extra vergine? In cucina è un esaltatore di sapori

L’extra vergine? In cucina è un esaltatore di sapori
17/01/2012 0

Domenica 29 gennaio a Olio Officina Food Festival ci sarà lo chef Lino Gagliardi, patron, insieme con il fratello Angelo, dell’Antica Osteria “La Rampina” di San Giuliano Milanese

Utilizzato per pura abitudine, l’olio extra vergine di oliva è il grande incompreso. Soprattutto nei ristoranti. Eppure in cucina è ingrediente fondamentale cui non si può rinunciare in quanto esaltatore di aromi. Nonostante tale evidenza, quando si tratta di scegliere spesso e volentieri si trascura la qualità optando per i prezzi più convenienti di altri grassi o, in alternativa, orientandosi verso extra vergini di qualità inferiore. Gagliardi, che ha anche studiato per diventare assaggiatore di oli di oliva, ci introduce in un percorso conoscitivo tra oli e cibi.

 

Lino Gagliardi è chef e patron, insieme con il fratello Angelo che si occupa della sala e dei vini, dell’Antica Osteria “La Rampina” di San Giuliano Milanese, locale storico in cui si sono succedute da secoli famiglie di osti e cucinieri.

Interprete di una cucina di stampo classico, aperta a proposte di terra e di mare, fonda il suo impegno nell’attualizzazione in chiave moderna della tradizione con il dichiarato intento di salvaguardarne la memoria e l’autenticità.

Oltre al lavoro tra i fornelli, ha collaborato alla stesura di un ricco ricettario pubblicato all’interno del volume A tavola e in cucina con le olive (Tecniche Nuove, 2007), di cui è autore l’oleologo Luigi Caricato.